Vendeva prodotti Prada contraffatti: donna francese sotto accusa

Una donna francese è accusata di contraffazione dopo che avrebbe creato un sito web Prada clonato e venduto molte copie false di prodotti tipici della famosa casa di moda italiana.

L’unità di Pordenone della Guardia di Finanza ha riferito che il sito, realizzato con un “graphic design molto accurato”, era così preciso che chi stava dietro è stato in grado di ingannare i clienti facendo loro credere che stavano comprando dal vero sito di Prada.

La merce è stata venduta allo stesso identico prezzo al dettaglio fissato dal marchio di moda e ha utilizzato i soliti sistemi di pagamento, ha aggiunto la polizia.

Ma i pagamenti sono stati invece accreditati su un conto bancario a Guangdong, in Cina, mentre la merce contraffatta è stata spedita da Hong Kong, il che significa che i clienti hanno dovuto pagare anche oneri doganali per ricevere le loro merci.

L’indagine è iniziata su richiesta di Prada, che aveva ricevuto lamentele da parte degli acquirenti con riferimento alle spese doganali.

La società, che ha fatto registrare un forte calo dei profitti nel corso dei primi nove mesi dello scorso anno per effetto della debolezza della domanda proveniente dall’Asia, ha dunque chiesto agli investigatori di esaminare se la merce era falsa.

La Guardia di Finanza ha affermato che una volta ricevuti dal cliente, risultava abbastanza chiaramente che tali articoli non fossero autentici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *