Star Wars: il primo giorno nelle sale non è da record

Erano anni che in Italia non si avvertiva una tale attesa per l’uscita di un film nelle sale. Una vera e propria febbre che ha contagiato centinaia di migliaia di persone, decretando le fortune non soltanto dei proprietari dei multisala e delle sale cinematografiche indipendenti, molti dei quali hanno fatto registrare in anticipo il tutto esaurito per i primi giorni di programmazione, ma anche di tutti i venditori di gadget e ammennicoli di ogni genere raffiguranti i personaggi della fortunata saga. Stiamo parlando naturalmente di Star Wars: il risveglio della forza,  pellicola girata da J. J. Abrams uscita ieri 16 dicembre nelle sale italiane e che rappresenta il settimo tassello della serie, nonché primo di una nuova trilogia.

Per quel che riguarda gli incassi,però, i primi dati non sono da record: mercoledì 16 dicembre, primo giorno di programmazione, in Italia il film ha incassato 1.8 milioni di euro, cifra importantissima ma che non rappresenta il numero più elevato di sempre ottenuto all’esordio da una pellicola nel nostro Paese.

Chi ha battuto allora Dart Fener, vi starete chiedendo. Ebbene si tratta del mago più amato di sempre, Harry Potter, che con il suo “I doni della morte – Parte II” del 2011 vanta l’incasso record nel primo giorno di uscita in Italia,  con ben 3.2 milioni di euro, seguito dall’insospettabile Spiderman del 2002, con 2.8 milioni. Harry Potter e il principe mezzosangue, chiude infine il podio con 2,7 milioni.

A onor del vero l’ultimo Harry, quello che ha battuto ogni record, è uscito durante il periodo estivo e dunque ha potuto contare su un afflusso rilevante da parte degli studenti in ferie.

Non ci resta dunque che attendere per avere il quadro complessivo dei ricavi di quello che si appresta comunque ad essere, a livello internazionale, uno dei più importanti successi hollywoodiani degli ultimi 20 anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *