Quotazioni dell’oro usato: meglio il web dei compro oro?

All’inizio del terzo millennio, complice la congiuntura economica sfavorevole, In Italia si è verificato un vero e proprio “boom dei negozi Compro Oro” che, nel giro di pochissimo tempo, hanno avuto un’espansione rapidissima.

Generalmente caratterizzati da piccole botteghe con un numero ridotto di personale, non erano ben visti da una parte dell’opinione pubblica perché l’attività commerciale era accompagnata dal sospetto di legami con organizzazioni criminali, dedite soprattutto al riciclaggio di denaro sporco.

Tuttavia per anni hanno consentito a milioni di italiani di ottenere immediata liquidità attraverso la vendita di oggetti preziosi d’oro e d’argento non più utilizzabili o passati di moda che, nella stragrande maggioranza dei casi, rappresentavano vecchi ricordi ricevuti in dono in occasione di ricorrenze ed eventi speciali.

In tempo di crisi, per evitare di richiedere un prestito in banca o presso una finanziaria, ricorrere al compro oro è stata la “soluzione più semplice” per monetizzare rapidamente, anche rischiando che i propri beni fossero sottostimati.

Il negoziante, infatti, pur avendo l’obbligo di applicare la quotazione dei metalli preziosi (oro, argento, platino) stabilita ogni giorno dalla Borsa di Londra, tratteneva per sé una commissione che, in mancanza di una regolamentazione ben precisa, poteva stabilire in modo del tutto arbitrario.

Oggi però le cose sono molto cambiate.
Innanzittutto il venditore non è più sprovveduto come una volta e non si ferma più al primo che capita.

Molti Compro Oro, poco onesti, sono stati costretti a chiudere i battenti in seguito ai numerosi controlli delle Forze dell’Ordine che hanno riscontrato numerosi illeciti.
E’ avvenuta, quindi, una “selezione naturale” in seguito alla quale sono rimasti attivi solo operatori professionali affidabili e competenti, spesso appartenenti a grandi Gruppi, presenti anche sul web e rispettosi della legge.

I consumatori quando decidono di cedere orologi, monili con o senza pietre preziose (diamanti, rubini, zaffiri, smeraldi) ma anche medaglie o monete auree e d’argento, prima di recarsi presso un Oro point verificano da soli il titolo ed il peso degli oggetti e, grazie a siti specializzati che riportano il fixing gold e silver, riescono a calcolare il valore approssimativo.

Per massimizzare i ricavi, si procede chiedendo più preventivi per poter “comparare le diverse offerte”.

In questo modo si ha la possibilità di scegliere il Compro Oro che offre le condizioni migliori e concludere una transazione davvero vantaggiosa e conveniente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *