Italia, popolo di sportivi…e di noleggiatori!

Gli italiani, si sa da tempo, sono un popolo di sportivi.

L’espressione ormai divenuta celebre e ciclicamente ricorrente è che, ad esempio, in occasione dei mondiali di calcio la nazionale può vantare la bellezza non di uno ma di 60 milioni di allenatori, pronti ciascuno a dire la propria su quale calciatore far giocare o quale modulo tattico adottare.

Ma che ci vogliamo fare, siamo così. Lo sport ci piace. Ci piace parlarne, specialmente tra uomini, sempre e ovunque. Sia il bar o la cena al ristorante o magari anche solamente la piazza in cui incontriamo i nostri amici: ogni occasione diventa quella buona per parlare di sport, di quel magico mondo che ci unisce e ci fa sentire uniti, poco importa se l’oggetto della conversazione sia poi il calcio o il basket, piuttosto che il golf o il curling. Ciò che conta è lo sport, in generale, e le emozioni che esso ci regala.

Ma gli italiani, dicevamo, sono un popolo di sportivi. Ciò significa, quindi, che parlare soltanto di sport, nonostante la quantità elevata di cui ne parliamo, non ci basta.

Per stare davvero bene abbiamo bisogno anche di praticarlo. Allora sì che ci sentiamo vivi. Che possiamo finalmente vivere noi stessi, in prima persona, quelle emozioni di cui spesso parliamo e che vediamo costantemente riprodotte in televisione. Ed anche qui, come prima, poco importa poi nello specifico se pratichiamo il nuoto o la vela, lo sci o la pallavolo. Quel che conta sono le emozioni, l’adrenalina che il mondo sportivo ci permette di conoscere in prima persona, sentendoci finalmente immediatamente e direttamente protagonisti.

Eppure noi italiani, oltre ad amare parlare e praticare lo sport, siamo anche (diciamocelo chiaramente) un popolo che spesso cambia idea, si stanca della routine e ha costantemente bisogno di provare qualcosa di nuovo, di mettersi nuovamente in gioco per sentirsi davvero vivo. Ecco allora che, quella idea di qualche mese fa di iniziare ad andare in bicicletta, poi divenuta di voler praticare la canoa o infine di imparare lo snowboard, comportano inevitabilmente un armadio pieno zeppo di attrezzature sportive spesso e volentieri, ahimè, obsolete e in disuso da vari anni.

Ma che ci vogliamo fare, è il sacrificio da sopportare sull’altare dello sport, si sente dire spesso. In realtà, invece, la soluzione per non rinunciare alla propria multiforme vocazione sportiva, senza tuttavia essere sopraffatti da attrezzature che non usiamo più, è semplice e a portata di mano. Specialmente negli ultimi anni sta prendendo piede , infatti, l’idea di noleggiare l’attrezzatura sportiva che non si usa più o che magari si usa solo in alcuni periodi dell’anno, evitando così di tenerla ferma in casa senza alcuna utilità.

Se sei uno sportivo e ne hai la possibilità, noleggia anche tu, quindi, attrezzatura sportiva on line  qui, guadagnando così qualche soldo da poter investire, magari, nelle attrezzature per altre diverse discipline sportive.  

Del resto, lo abbiamo detto all’inizio, è la nostra vocazione di italiani quella di amare e di voler provare tanti e diversi sport. Perché rinunciarvi quindi, ora che con il noleggio abbiamo anche la possibilità di guadagnarci…     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *