Sacerdote:”Gay persone con problemi. Lo Stato dovrebbe correggerli”

Da giorni in Italia non si parla d’altro che di unioni civili e del ddl Cirinnà, che si propone di renderle legali.

Così ha pensato di dire la sua anche il sacerdote don Roberto Ravera di Cairo Montenotte, paese in provincia di Savona, ed è un’opinione che ha subito suscitato “un vespaio”. il rettore del Santuario della Madonna delle Grazie, in una lettera inviata ad un settimanale ha definito in questi termini l’omosessualità:”Non è una malattia ma un difetto rispetto alla natura che vuole l’amore tra uomo e donna“. Ma don Roberto non si è limitato a questo e ha aggiunto benzina sul fuoco nel momento in cui ha deciso di dare dei consigli alla politica su come trattare la materia:”Lo Stato potrebbe aiutare gli omosessuali a correggersi come sta facendo con altre persone che sono sole con vari problemi psicologici, fisici o caratteriali“.

La gravità di tali affermazioni ha spinto il sindaco di Cairo Montenotte, Fulvio Briano, a prendere immediatamente le distanze. Queste le sue parole:”Mi auguro che tali parole, sia nei contenuti che nei toni degni di una Chiesa del Medioevo, siano dettate più dall’età che da un reale sentire di sacerdote e guida di una comunità. Sono allibito e auspico che chi deve intervenire intervenga“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *